Affidamento condiviso

La conflittualità fra i genitori, anche ove riguardi le diverse abitudini di vita e di metodi educativi da adottare nei confronti dei figli, non può impedire l’affidamento condiviso.

Ed infatti, se fosse sufficiente la semplice conflittualità, l’affidamento esclusivo ad uno dei genitori diventerebbe la regola generale e non l’eccezione, come è oramai pacificamente riconosciuto e anche normativamente stabilito.

Ciò è quanto ha stabilito la Corte d’Appello di Lecce, Sezione per i Minorenni, nel decreto qui pubblicato, emesso sul reclamo promosso da una madre avverso il provvedimento del Tribunale per i Minorenni, che, già in primo grado, su ricorso del padre (difeso dall’avv. Perchiazzi) aveva disposto l’affidamento condiviso del minore ad entrambi i genitori, nonostante la tenerissima età del figlio e la totale mancanza di convivenza fra i suoi genitori. 

 

Share:

Author

Avv. Rita Perchiazzi

Avv. Rita Perchiazzi

L'Avvocato Rita Perchiazzi è iscritta all'Albo dell'Ordine degli Avvocati di Lecce dal 23 luglio 1997,Ha studio in Lecce. Si è perfezionata in Diritto Minorile e si occupa prevalentemente di questioni concernenti le persone, la famiglia, la filiazione e l'adozione. Si occupa altresì di diritto del lavoro, con particolare riferimento alle problematiche del mobbing e della tutela antidiscriminatoria dei lavoratori e delle lavoratrici. Dal 16 aprile 2016 Presidente dell'Unione Nazionale Camere Minorili associazione maggiormente rappresentativa e specialistica di diritto minorile e di famiglia. E' anche Presidente della Camera Minorile di Lecce Svolge frequentemente incarichi di curatore speciale del minore. E' iscritta negli elenchi dei difensori disponibili al patrocinio a spese dello Stato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS
Follow by Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.studiolegaleperchiazzi.it/blog/affidamento-condiviso/
Twitter
LinkedIn